Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia
CREDITS
PROGETTISTA ARCHITETTONICO: Mario Botta Architetto

con Giulio Andreolli
PROGETTISTA STRUTTURALE: Contec Ingegneria srl
IMPRESA: Lamaro Appalti spa
COSTRUTTORE METALLICO: Bit spa
ALTRE INFO: GS Engineering

MART Museum

DISEGNI E CANTIERE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FOTO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La grande cupola in metallo e vetro:

Il nodo centrale di accesso al museo, all’auditorium ed alla biblioteca, è costituito dalla grande piazza centrale con la fontana, collegata a Corso Bettini dalla strada di accesso che passa tra i due edifici storici Palazzo del Grano e Palazzo Alberti. La cupola, di forma tronco piramidale in acciaio e vetro che ne costituisce la copertura, caratterizza l’intera opera. Sono caratteristiche di questa struttura l’apertura in corrispondenza dell’anello centrale, in asse alla fontana, e l’assenza di una delle capriate radiali e quindi della copertura, in asse alla via di accesso alla piazza, in modo da consentire una transizione graduale dall’esterno, alla piazza coperta ed infine alle strutture espositive. Questa interessante idea rende estremamente complessa la calcolazione statica della cupola che perde la simmetria radiale. Questa caratteristica ci dimostra quali raffinatezze progettuali conseguono a soluzioni architettoniche spazialmente rigorose ma strutturalmente anomale, che comportano una alta collaborazione tra l’ingegnere e l’architetto.

I numeri della cupola:
diametro: 38.5m
superficie: 1.160 mq, di cui coperti 1.030 mq
peso della struttura: 92 t
numero di capriate: 19
numero complessivo di aste in acciaio: 3000 collegate da 629 nodi

Fasi di montaggio della cupola:
Inizia con la posa dell’anello centrale del diametro di 6.00m, trasportato in cantiere in 3 parti saldate sul posto, sopra ad una torre di supporto provvisoria. Si sono posate le 19 capriate radiali, fissate con viti sul solaio di copertura del museo, ed all’anello centrale. Si è infine provveduto al montaggio delle strutture secondarie. Con l’ausilio di martinetti idraulici posati sulla sommità della torre, si è spinto verso l’alto la cupola per poterla liberare dagli spessori scaricando il peso sul sostegno provvisorio che è poi stato smantellato.

L’edificio:

L’edificio di dimensioni ragguardevoli (85 x 65m) è realizzato in calcestruzzo armato e caratterizzato nella sua vista in pianta dalla presenza di quattro vani scala che costituiscono i percorsi verticali, posizionati simmetricamente rispetto agli assi ideali dell’edificio che attraversano il centro della piazza coperta. Speciali accorgimenti hanno consentito la realizzazione delle strutture prive di giunti di dilatazione. I solai e gli sbalzi del museo sono realizzati con solette piene in c.a. Le facciate, di tipo ventilato, sono rivestite in pietra gialla di Vicenza applicate su strutture metalliche di supporto.

L’Auditorium:

Per lo scavo dell’Auditorium , dei servizi tecnologici e dei depositi del Museo, data la posizione del polo museo a ridosso della collina, si sono rese necessarie una serie di opere di sostegno della stessa. L’Auditorium collocato nell’interrato è coperto con una grande struttura metallica a graticcio della luce di 22x30m che sostiene superiormente i due piani espositivi. Sono state realizzate travi composte saldate dell’altezza di 2.00m.

Si ringraziano lo studio Mario Botta Architetto, Contec Ingegneria srl, Bit spa, Lamaro Appalti spa e Comune di Rovereto per la collaborazione
Laura Della Badia

Prodotti e Soluzioni