Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia
CREDITS
COMMITTENTE: Capri Soc. Coop. Arl
PROGETTO ARCHITETTONICO E STRUTTURALE, DL: Studio Associato di Ingegneria Ing. M. Monti Ing. A. Monti
COLLABORAZIONE ALLA PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA: Vidiuno Architetti
PROGETTO IMPIANTISTICO E ANTINCENDIO: Studio I.M.S.
PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO E SPECIALE: Daniele Della Chiara
PROGETTO IMPIANTO FV: Mirco Lombardini
IMPRESA: C.I.M.S. Cooperativa Intersettoriale Montana Sassoleone
COSTRUTTORE METALLICO: Naldi carpenterie srl
IMMAGINI: Luca Bacciocchi

Sede direzionale Capri Soc. Coop.

DISEGNI E CANTIERE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FOTO
 
 
 
 
 
 
 
La società Cooperativa Autotrasportatori Partigiani e Reduci Imolesi ha compiuto di recente i 76  anni e come dono per celebrare la sua attività nel campo della distribuzione di carburanti si è regalata una nuova sede operativa nel cuore della zona industriale imolese. L’investimento,  pari a circa 2 milioni di euro, ha riguardato la realizzazione in carpenteria metallica di un  volume che ospita gli uffici direzionali, l’area commerciale e logistica, un magazzino, un deposito carburanti e una sala riunioni, il tutto su due piani fuori terra.

L’Edificio dalle dimensioni in pianta di 37,68 x 14,18 ha un’altezza massima di 8,66 m all’estradosso del solaio di copertura, mentre il primo piano è posto a 4,5 metri a partire dalla quota 0. Sul fronte ovest, in prossimità dell’ingresso, è presente un duplice sbalzo sia al primo piano che in copertura di lunghezza pari a 1,8 metri, sul retro l’accesso al magazzino ed al deposito carburanti è celato da una pensilina di copertura di 2 m.

La maglia strutturale della sede è in acciaio: le colonne sono costituite da profili cavi circolari di Ø 329,9 x 10, collegate nelle direzioni principali da profili di tipo IPE 400, 330, 300 e 270. Gli elementi secondari sono anch’essi in profili aperti laminati a caldo, nello specifico IPE 330, 300 e 270. Particolare attenzione è stata dedicata alla durabilità dell’edificio: tutti i prodotti impiegati nella struttura sono zincati a caldo. Il collegamento di tutte le travi principali alle colonne è di tipo ad incastro, mentre tra le travi principali e  secondarie è a cerniera. In fondazione le colonne sono collegate alla platea mediante piastre in acciaio 550x550x25 mm e 12 tirafondi a martello M24 di classe 8.8.
I tamponamenti perimetrali sono a secco e costituiti da pareti opache ad eccezione della zona d’ingresso, dove è presente una facciata continua vetrata che dona luminosità  all’atrio. I solai sono collaboranti con lamiera grecata di tipo HI-BOND sp. 7/10 e getto in cls su rete elettrosaldata Ø 6/15 x 15. Sono in acciaio anche il giunto tecnico di collegamento tra la palazzina e la pensilina in prossimità dei locali di stoccaggio e le scale di accesso al primo impalcato e alla copertura. Quest’ultime sono costituite da cosciali a “C” 240x50x5 e gradini in grigliato antitacco h = 50 mm. Il Comune sorge in zona sismica 2 pertanto la palazzina è stata progettata per rispondere ai terremoti con un comportamento di tipo non dissipativo, assumendo un fattore q di struttura pari a 1,5.

La realizzazione della nuova sede della Cooperativa ha voluto segnare un punto di svolta da parte dell’azienda verso un rinnovamento societario: contemporaneamente alla costruzione del nuovo edificio sono stati intrapresi lavori per l’ampliamento e l’ammodernamento delle stazioni di servizio sul territorio, con un occhio di riguardo alla transizione energetica ed alla mobilità green, dotando gli impianti di pompe per metano e GPL, con punti di ricarica per vetture elettriche e predisposizioni future per idrogeno e GNL.
Conclusi i lavori, parte della preesistenza verrà mantenuta come sede legale, mentre le restanti parti verranno dismesse e, dopo accurata bonifica, sul lotto libero saranno realizzate delle abitazioni.

Lorenzo Fioroni
 

Prodotti e Soluzioni